14 Maggio 2019 | Categoria: Casa Coniugale

3 cose da sapere sull’assegnazione della casa coniugale

Team Slidinglife

Presa coscienza che il matrimonio è finito, stai cominciando a dividere tutto, a preparare gli scatoloni e raccogliere le tue cose. Ma chi deve andare via di casa? A chi spetta l’assegnazione della casa coniugale? Ecco quello che ti serve sapere.

 

A chi è assegnata la casa coniugale

Per casa coniugale si intende la casa in cui la famiglia è nata e ha vissuto fino al momento della separazione. L’assegnazione della casa coniugale avviene proprio dopo una separazione o un divorzio sulla base di un unico principio: tutelare l’interesse dei minori quando sono presenti. In questo modo si cerca di rendere meno traumatica la crisi familiare e di permettere ai piccoli di conservare tutte le proprie abitudini senza destabilizzarli troppo anche nella quotidianità, oltre che nell’affettività. Quando non ci sono figli, invece, la casa può essere assegnata a uno dei coniugi se ad esempio il coniuge ha particolari patologie o è considerato economicamente debole.  

 

Se un coniuge è proprietario o lo sono entrambi

Se il proprietario è solo uno dei due coniugi e ci sono figli, la casa è assegnata al partner a cui sono affidati o presso cui sono collocati. In assenza di figli, la soluzione migliore è quella di tener conto dell’accordo tra coniugi, se si tratta di una separazione consensuale; nel caso in cui questo non sia possibile, il giudice stabilisce a chi assegnarla. Se i coniugi sono entrambi proprietari, generalmente, si procede con la divisione dell’immobile: la casa è  venduta e il ricavato si divide tra la coppia o uno dei due acquista anche l’altra parte.

 

La revoca dell’assegnazione

L’assegnazione della casa non è definitiva, può essere revocata nei casi seguenti:

  • quando il coniuge assegnatario non vive più abitualmente in quella casa

  • quando contrae nuove nozze o convive con un nuovo partner

  • quando i figli acquisiscono una propria autonomia economica e quindi la casa cessa di essere “di famiglia”

  • per morte del coniuge a cui è attribuita.

I giudici valutano volta per volta i casi, la revoca non è automatica.

 

Spesso la perdita della casa coniugale è una delle preoccupazioni più grandi, dopo la separazione, per il dispiacere di abbandonare i ricordi e le abitudini. Non è mai facile, vero, ma si possono conservare integri i ricordi dei vostri bimbi. La loro serenità vale più di ogni altra cosa.

Se hai dubbi o domande, scrivi sul forum. In Slidinglife c'è sempre qualcuno pronto ad ascoltarti.

La più grande community per separati e divorziati

Registrati e troverai:

  1. Professionisti di fiducia in tutta Italia
  2. Eventi dedicati a separati e divorziati
  3. Consigli pratici per genitori separati
Hai già un account? Accedi

Crea il tuo profilo

   
oppure con il tuo indirizzo email
Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Crea un profilo professionista

Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Effettua il login

   
oppure con il tuo account Slidinglife
Non hai un account? Registrati