05 Dicembre 2017 | Categoria: Alimenti all'altro coniuge

I divorzi dei vip valgono anche per tutti gli altri?

Team Slidinglife

Qualcuno potrebbe pensare che le sentenze dei personaggi famosi non valgano per i comuni mortali. In realtà il clamore suscitato dal divorzio più famoso in Italia è destinato a chiudersi in una bolla di sapone. Infatti, il nostro sistema giudiziario non prevede che una sentenza sia vincolante per i casi analoghi che seguono, così come avviene nel mondo anglosassone, la cui filmografia probabilmente ha contaminato la nostra cultura. Non la cultura giuridica. Pertanto, il caso di Silvio e Veronica è un caso a sé stante, che non può determinare da solo un nuovo indirizzo. A maggior ragione le sentenze di cassazione non creano indirizzo per gli altri giudici se non nella forma delle sentenze a sezioni unite, ovvero quel caso in cui rispetto a contrasti giurisprudenziali la cassazione si riunisce a sezioni unite per fornire ai giudici di tutto il territorio nazionale un indirizzo uniforme su un determinato principio di legge e sulla relativa interpretazione. Infatti, non dobbiamo dimenticare che per capire qualcosa nel nostro sistema e per interpretare le situazioni il dato di partenza è sempre il codice civile o la legge dello Stato.

L’articolo 156 del codice civile, circa l’assegno di mantenimento verso il coniuge in fase di separazione, prevede che il giudice, pronunziando la separazione, stabilisce a vantaggio del coniuge, cui non sia addebitabile la separazione, il diritto di ricevere dall'altro coniuge quanto è necessario al suo mantenimento, qualora egli non abbia adeguati redditi propri. L'entità di tale somministrazione è determinata in relazione alle circostanze e ai redditi dell'obbligato. La formulazione di determinate norme come sempre apre il varco a diverse interpretazioni e quindi in questo articolo, dato per scontato che il coniuge non debba essere la causa del fallimento matrimoniale e che non abbia redditi propri, vediamo come vanno in contraddizione il criterio del mantenimento e l’entità di tale somministrazione, che deve essere commisurata alle circostanze, espressione infelice, e ai redditi dell’obbligato, in quest’ultimo richiamando quindi ad un criterio di tenore di vita.

Quando poi si passa alla fase della cessazione degli effetti civili del matrimonio, l’articolo 5 della legge sul divorzio stabilisce che l’assegno possa essere concesso rispetto a criteri quale la durata del matrimonio, il proprio apporto alla conduzione familiare e alla formazione del patrimonio comune o dell’altro coniuge, ma soltanto in casi in cui il coniuge che invochi l’assegno divorzile non abbia i mezzi adeguati o comunque non può procurarseli per ragioni oggettive.

A questo punto i tribunali italiani dovranno interpretare se il criterio di mantenimento è da intendersi quale sopravvivenza media della persona secondo indici Istat o debba essere piuttosto indicizzata al tenore di vita assicurato in costanza di matrimonio. Nell’uno e nell’altro caso comunque la legge è chiara nel determinare che tale forma di aiuto e di sostegno è in essere solo allorquando il coniuge richiedente dimostri di non avere adeguati redditi propri o possibilità oggettive di procurarseli. La sentenza Berlusconi contro Lario ha fatto notizia, ma non è legge.

Copyright © 2017 -  Avv. Massimiliano Arena, Ceo e Founder di Sliding Life

Foto di copertina: Veronica Lario e Silvio Berlusconi - Copyright © NanoPress



Se hai dubbi o domande, scrivi sul forum. In Slidinglife c'è sempre qualcuno pronto ad ascoltarti.

Slidinglife sta diventando la più grande community per separati e divorziati!

Registrati e troverai:

  1. Professionisti di fiducia in tutta Italia
  2. Eventi per separati e divorziati
  3. Consigli pratici per genitori separati

Crea un account utente

Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Crea un account professionista

Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Non sei un professionista? Registrati come utente

Effettua il login

Non hai un account? Registrati