09 Luglio 2019 | Categoria: Divorzio

L’Udienza Presidenziale: prima udienza di divorzio.

Team Slidinglife

La separazione dal partner è ormai un dato di fatto, ma sospendere solo gli effetti del vostro matrimonio non è quello che vuoi. Desideri lasciarti tutto alle spalle e mettere un punto definitivo a questa relazione coniugale, per poter andare avanti con la tua vita. Hai chiesto il divorzio e ti appresti ad affrontare la prima udienza. Vorresti sapere cosa accadrà e come si svolge? Ecco alcune informazioni utili per affrontare l’udienza presidenziale in modo più sereno.

Cos’è l’udienza Presidenziale 

I coniugi possono chiedere il divorzio congiuntamente o può chiederlo anche uno solo dei due. Ognuno, assistito dal proprio avvocato, può avviare la procedura con un ricorso, presso il Tribunale in cui ha la residenza o il domicilio il coniuge che è stato chiamato in causa. Se, invece, la richiesta è “congiunta”, cioè presentata insieme dalla coppia, può essere depositata “al Tribunale del luogo di residenza o di domicilio dell’uno o dell’altro coniuge”.

Il ricorso deve contenere tutte le informazioni utili a descrivere la situazione e le ragioni per cui si intende divorziare. Spesso sono allegate anche le dichiarazioni dei redditi dei coniugi degli ultimi anni; inoltre, alcuni Tribunali richiedono estratti conto, finanziamenti, mutui, buste paghe e altri titoli, utili a comprenderne le condizioni economiche dei due.

In seguito al ricorso, il giudice fissa la data della prima udienza, definita Udienza Presidenziale, perché si svolge dinanzi al Presidente del Tribunale.

Cosa succede durante la prima udienza

Nella prima udienza il giudice ascolta prima separatamente e poi congiuntamente i due coniugi per cercare una conciliazione tra i partner. Se il tentativo ha esito positivo il Presidente “fa redigere processo verbale di conciliazione ”. Il giudice verifica che i coniugi continuino a essere separati e, se il divorzio è contenzioso (cioè se è solo uno dei coniugi a voler il divorzio) emette tutti i provvedimenti “provvisori ed urgenti”; se, invece, il divorzio è congiunto, procede a convalidare gli accordi.  

Contro la decisione del giudice, entro dieci giorni dalla comunicazione di questa ordinanza, se il divorzio è contenzioso, i coniugi possono fare “reclamo” dinanzi alla Corte d’Appello. Nella stessa ordinanza il giudice fissa la data della seconda udienza, dinanzi a un altro giudice, il giudice istruttore, che può modificare quanto stabilito in precedenza, decidere su tutte le questioni non ancora definite, valutare se esiste addebito della separazione per colpa di uno dei due coniugi.

Il Presidente del Tribunale esamina la reale situazione e le condizioni economiche della famiglia presentate al momento dell’udienza e cerca di ristabilire l’equilibrio, in modo da garantire una qualche stabilità nella gestione della vita familiare non più insieme, almeno fino alla sentenza definitiva.

Se hai dubbi o domande, scrivi sul forum. In Slidinglife c'è sempre qualcuno pronto ad ascoltarti.

La più grande community per separati e divorziati

Registrati e troverai:

  1. Professionisti di fiducia in tutta Italia
  2. Eventi dedicati a separati e divorziati
  3. Consigli pratici per genitori separati
Hai già un account? Accedi

Crea il tuo profilo

   
oppure con il tuo indirizzo email
Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Crea un profilo professionista

Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Effettua il login

   
oppure con il tuo account Slidinglife
Non hai un account? Registrati