04 Giugno 2019 | Categoria: Legale

Prima udienza di separazione: cos’è e come comportarsi

Team Slidinglife

Piano piano stai cercando di sistemare tutte le questioni utili per separarti, hai deciso che non è sano rimandare ancora. Bisogna guardare avanti, recuperare le energie, attrezzarsi per percorrere questa nuova fase e poter poi ricominciare da te. Hai scelto l’avvocato, lo hai incontrato più volte e adesso stai aspettando la prima udienza, ma cominci ad avere qualche dubbio e ti chiedi come comportarti affinché vada tutto bene. Rilassati, non stai per salire sul ring!

Come comportarsi alla prima udienza

Per quanto tu possa aver chiacchierato con il tuo avvocato è probabile che prima dell’udienza provi un po’ di solitudine e di ansia. È normale. Stai per affrontare una serie di cambiamenti e alcune preoccupazioni riaffiorano alla mente ciclicamente: sarai in grado di vedere stravolta la tua vita? Se perdi i contatti con i bambini? E se perdi tutto?

Respira. Se stai per affrontare la prima udienza è probabile che tu non abbia raggiunto un accordo comune con l’ex coniuge, al giudice dovrai semplicemente raccontare le ragioni che ti inducono a separarti o perché il tuo o la tua partner vuole farlo.

Consigli utili per vincere l’ansia

È importante arrivare puntuale, anzi anche in anticipo, con un abbigliamento adeguato al contesto e al luogo, è un segno già di rispetto verso il giudice e tutte le persone che incontri. Ricordati di essere sempre gentile con tutti, parla con tono tranquillo, per quanto tu riesca, aspetta sempre il momento giusto o il momento in cui ti viene data la parola per esprimere le tue ragioni; se vuoi precisare qualcosa chiedi sempre al tuo avvocato di farlo. Prova a non farti trascinare dal conflitto con l’ex coniuge quando lo vedi, sii paziente e non discutere nelle aule o nei corridoi del Tribunale, non è un comportamento educato.

Cosa succede durante la prima udienza

La prima udienza è quella “presidenziale”, così definita perché si svolge dinanzi al Presidente del Tribunale. I coniugi che si sono messi d’accordo si presentano in udienza per far “omologare  il proprio accordo, diversamente entrambi o anche uno solo dei due chiede la separazione ognuno con il proprio avvocato, mediante un ricorso, in cui sono descritti i fatti e spesso allegate le dichiarazioni dei redditi dei coniugi. (Alcuni Tribunali possono chiedere anche buste paghe, estratti conti corrente, finanziamenti, mutui, titoli).

Il giudice fissa appunto l’udienza in cui prova, innanzitutto, a riconciliare i due, ascoltandoli prima insieme e poi separatamente. Se il tentativo ha esito positivo il Presidente "fa redigere processo verbale di conciliazione"; se, invece, fallisce, emette tutti i provvedimenti "provvisori ed urgenti". Entro 10 giorni, con un’ordinanza, autorizza i coniugi a vivere separati, stabilisce a chi assegnare la casa coniugale, a chi affidare i figli, i tempi e i modi per esercitare il diritto di visita, il mantenimento ai figli e se il coniuge ritenuto più debole economicamente ha diritto agli alimenti.

L’ordinanza presidenziale si può modificare?

Dal momento in cui i coniugi ricevono comunicazione di questa ordinanza possono entro 10 giorni fare “reclamo” dinanzi alla Corte d’Appello. Il Presidente nella stessa ordinanza fissa la data della successiva udienza dinanzi a un secondo giudice, definito giudice istruttore, che può modificare quanto stabilito in precedenza, decidere su tutte quelle questioni non ancora esaminate, verificare e stabilire se esiste addebito della separazione per colpa di uno dei due coniugi.

La prima udienza serve a organizzare l’inizio della vita non più insieme, a porre ordine ed equilibrio nella quotidianità e nella gestione della famiglia, a iniziare questo percorso verso una nuova fase della propria vita.

Se hai dubbi o domande, scrivi sul forum. In Slidinglife c'è sempre qualcuno pronto ad ascoltarti.

La più grande community per separati e divorziati

Registrati e troverai:

  1. Professionisti di fiducia in tutta Italia
  2. Eventi dedicati a separati e divorziati
  3. Consigli pratici per genitori separati
Hai già un account? Accedi

Crea un account utente

   
oppure crea un account Slidinglife
Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Crea un account professionista

Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Effettua il login

   
oppure con il tuo account Slidinglife
Non hai un account? Registrati