Yoga per bambini: scoprilo e non ci rinunci più.

Yoga per bambini: scoprilo e non ci rinunci più.

Tempo di lettura: 2 minuti Hai mai sentito parlare di yoga per bambini? Si, no, non sai? Prima di ogni cosa abbandona l’idea che lo yoga per bimbi è una semplice imitazione di quello per adulti. Tuttavia, non è meno importante. I bambini provano emozioni, positive e negative. Imparare ad armonizzare il proprio corpo con la testa e l’anima è […]

Tempo di lettura: 2 minuti

Hai mai sentito parlare di yoga per bambini? Si, no, non sai? Prima di ogni cosa abbandona l’idea che lo yoga per bimbi è una semplice imitazione di quello per adulti. Tuttavia, non è meno importante. I bambini provano emozioni, positive e negative. Imparare ad armonizzare il proprio corpo con la testa e l’anima è una buona abitudine che sin da piccoli bisognerebbe imparare per alimentare una crescita sana e uno sviluppo psico-fisico sereno. Per i bimbi è un vero e proprio gioco dal quale derivano benefici di cui lo stesso bambino non potrà più fare a mano e che produranno giovamento non solo a livello personale, ma anche nella relazione con altri.

In questo articolo, abbiamo chiesto all’esperta Mariangela Lozito, insegnante di  yoga per bambini, di spiegarcene l’importanza e di illustrarci il metodo Balyayoga

E se volete divertirvi un pochino vi suggeriamo di provare anche a svolgere gli esercizi. Fidatevi farà bene a tutta la famiglia, il divertimento è assicurato!

Yoga per bambini-metodo Balyayoga

Lo yoga rappresenta per i bambini uno strumento efficace per conoscere meglio se stessi e avere una consapevolezza più profonda delle proprie emozioni.

Il principale obiettivo di un percorso yogico con i bimbi è dunque quello di rendere consapevoli i bambini delle proprie emozioni e di quelle degli altri, imparando anche ad affrontarle e rispettarle nel migliore dei modi.

Nello yoga per bambini la creatività è fondamentale, questo e tanti altri aspetti sono presenti nel metodo Balyayoga, ideato proprio per i piccoli da Gianni Zollo e Barbara Ladisa.

Balya viene dal sanscrito e significa “per i bambini” e in italiano il termine ricorda quella figura, “balia” , che si prende cura dei piccoli.

Attraverso questo metodo dunque si è ritenuto avvicinare i bambini allo yoga con l’ausilio di attività divertenti, pensate per incuriosirli e stimolare la creatività.

In ogni lezione momenti dinamici (giochi, riscaldamento) sono seguiti da altri più tranquilli (storie con le asana- posizioni di yoga, visualizzazioni, racconto di storie orientali), in modo da accompagnare naturalmente il bambino attraverso la libera espressione della sua vivacità e un ascolto profondo di sé.

Ecco i principali benefici dello yoga per bambini:

  • Migliora la consapevolezza e la percezione del sé;
  • Risveglia le potenzialità fisiche (per es. l’elasticità del corpo), psichiche ed interiori di ciascuno;
  • Stimola lo sviluppo della creatività e della libertà di espressione; 
  • Stimola la curiosità, l’intuito e l’intelligenza razionale ed emotiva. 

Mariangela Lozito

Insegnante di yoga – metodo Balyayoga

mariangela.lozito@gmail.com