21 Ottobre 2017 | Categoria: Legale

Donazione ai figli

Community
Buongiorno, vorrei un esperto parere sulla seguente problematica:
Ho l'omologa di separazione consensuale in cui stabilimmo che la casa coniugale veniva assegnata a me padre in cui vivo con un mio figlio maggiorenne e non autosufficiente, e a titolo di mantenimento corrispondevo 300 euro mensili alla mia ex moglie. Omologa datata Aprile 2017.
La casa coniugale è stata acquistata in regime di comunione dei beni e intestata al 50%. Posso donare il mio 50% ai figli riservandomi l'usufrutto? Grz
22 Ott 2017, 12:33
Avvocato
Buongiorno, certo che sì!
22 Ott 2017, 12:46
Community
Grazie Avvocato,
chiedevo questo perchè a distanza di pochi mesi, la mia ex ha ritrattato tutto, ha chiesto l'annullamento dell'omologa di separazione consensuale asserendo di essere stata consigliata male dal suo avvocato, quindi lo ha cambiato, e contestualmente ha chiesto la mediazione per la spartizione della casa coniugale......becero tentativo per sottrarre ai figli che sono rimasti con me l'unica cosa che poteva lasciargli. Grazie, se può attendo ulteriori consigli. Grazie
27 Ott 2017, 12:37
Certo che può donare. Anzi intestando la proprietà ai minori potrebbe creare un "filtro" alla vendita da parte della madre...
Infatti, per vendere l'immobile (atto di straordinaria amministrazione) è necessario il parere del Giudice Tutelare che, ovviamente, dovrà valutare la convenienza dell'operazione (prezzo di cessione adeguato) e l'utilità che dovrebbe ricavarne il beneficiario.
27 Ott 2017, 12:39
La decisione di compiere l'atto di straordinaria amministrazione (come ogni altra decisione che concerne i figli), ovviamente, deve essere presa di comune accordo tra i coniugi.
La richiesta di autorizzazione per il compimento di un atto di straordinaria gestione deve essere presentata al giudice tutelare dal genitore esercente la responsabilità (che in caso di affido condiviso dovreste essere entrambi).
27 Ott 2017, 12:40
Il genitore che sia in disaccordo con la decisione dell’altro ha, comunque, il potere – dovere di rivolgersi, ex art. 316 c.c., al giudice per risolvere il contrasto con l'altro genitore.
In tal caso quindi, se (come nel nostro caso) l’atto rientra nell’amministrazione straordinaria è previsto un duplice controllo: del giudice tutelare sull’utilità dell’operazione (vendita) e del Tribunale specializzato sul contrasto.
Spero di essere stato chiaro.
Saluti

Argomenti correlati

Categoria: Legale

vivo in appartamento dei miei genitori a titolo gratuito con i figli a me assegnati. i miei genitori...

Buongiorno, la sua situazione potrebbe consentire il ricorso per avanzare la sua richiesta, ma vanno valutate anche altre circosta...

Categoria: Legale

Buongiorno!mi sono separata da 2anni dopo 19anni insieme con figli.. improvvisamente luì torna nel ...

Team Slidinglife

Buon pomeriggio, il padre ha per legge l’obbligo di assistere i figli economicamente e affettivamente, pertanto ha il dovere di ...

Categoria: Legale

Buongiorno, sono in corso di separazione giudiziale con addebito alla coniuge, ho gia' avuto l'udie...

Pedagogista

Buonasera, innanzitutto mi preme fare una domanda. Perchè vuole revocare l'assegnazione della casa coniugale?

Rispondi all'argomento

Crea il tuo profilo

   
oppure con il tuo indirizzo email
Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Crea un profilo professionista

Accetto il trattamento dei dati per le finalità di accesso al servizio come espresso nell'informativa sulla privacy
Dichiaro di essere maggiorenne e di aver letto i termini e le condizioni d'uso del servizio
Hai già un account? Accedi

Effettua il login

   
oppure con il tuo account Slidinglife
Non hai un account? Registrati