Genitori separati: come affrontare le vacanze estive?

Genitori separati: come affrontare le vacanze estive?

Tempo di lettura: 3 minuti È arrivata l’estate e la voglia di uscire si insinua sempre più in maniera preponderante. Il desiderio di sole, mare, passeggiate in montagna o in campagna, gite in riva al lago o sulle sponde di un fiume. Abbiamo tutti un gran desiderio di trascorrere del tempo all’aria aperta con i nostri cari e forse dopo […]

Tempo di lettura: 3 minuti

È arrivata l’estate e la voglia di uscire si insinua sempre più in maniera preponderante. Il desiderio di sole, mare, passeggiate in montagna o in campagna, gite in riva al lago o sulle sponde di un fiume. Abbiamo tutti un gran desiderio di trascorrere del tempo all’aria aperta con i nostri cari e forse dopo questi anni trascorsi prevalentemente in casa a causa della pandemia ancora di più. La vacanza è un bel momento dell’anno: che sia in un posto lontano o sulla spiaggia a pochi chilometri da casa è il tempo del relax e del divertimento, è il tempo per prendersi cura di sé per rigenerarsi e di vivere giorni interi con i bambini, senza l’ansia dell’orologio o lo stress del prossimo impegno.  Le vacanze, però, possono diventare anche motivo di grandi scontri e sofferenze per i bambini se i genitori sono separati e non riescono a trovare un accordo. Niente paura e per tutti voi genitori separati ecco alcuni suggerimenti su come affrontare queste meritate vacanze. 

Come “dividersi” le vacanze dei piccoli

Sia che i genitori si siano accordati separandosi o che lo abbia stabilito un giudice durante la causa di separazione le vacanze dei figli di una coppia che si separa sono scandite e ben definite, secondo una regole generale i minori trascorrono 15 giorni con un genitore e 15 giorni con l’altro; giorni che possono essere consecutivi ma anche distribuiti durante il periodo estivo. In realtà gli ex coniugi possono anche accordarsi in maniera differente purché venga sempre salvaguardato l’interesse preminente del minore e purché il giudice abbia avvalorato accordi diversi o lo stesso giudice non abbia stabilito diversamente nella sentenza in cui ha definito l’affidamento e i turni e le modalità di visita del genitore non “collocatario”. Nessun genitore può vietare all’altro di andare in vacanza con i propri figli, pertanto la scelta migliore è quella di trovare un accordo che tenga conto delle esigenze di tutti e che tuteli la serenità dei figli in primis, se proprio non riuscite allora meglio attenersi al provvedimento del giudice.

Ogni genitore sostiene le spese per le vacanze che trascorre coi figli, a meno che il giudice non stabilisca altro. Se invece si tratta di un viaggio che i minori o i ragazzi intraprendono senza genitori, la divisione delle spese seguirà il regime delle spese straordinarie, deve essere suddivisa tra entrambi, a meno che il giudice non abbia stabilito diversamente con la sentenza di separazione e necessita dell’accordo tra i genitori. Durante il periodo estivo il pagamento dell’assegno di mantenimento da parte del  genitore “non collocatario” non è sospeso, se non c’è un provvedimento del giudice o un accordo tra i genitori, ma deve continuare ad essere versato. 

Bonus vacanze 2021

È possibile ottenere qualche agevolazione per le vacanze 2021? Come funziona il bonus vacanze? Può usufruire del bonus chi ne ha già fatto richiesta entro il 31 dicembre 2020 e può utilizzarlo fino al 31 dicembre 2021,e ha reddito non superiore a 40.000 euro; può essere adoperato anche da un componente della famiglia diverso da quello che ne ha presentato domanda. Il bonus deve essere speso in un’unica soluzione presso una sola struttura ricettiva italiana o un’agenzia e il pagamento deve essere documentato da fattura o scontrino o ricevuta fiscale; l’80% può essere utilizzato come sconto sulla somma da pagare al fornitore del servizio turistico; il 20% può essere detratto dalle imposte, nella dichiarazione dei redditi. È necessario che la struttura turistica scelta “aderisca all’iniziativa e accetti il bonus” e che chi effettui la domanda sia provvisto di un’identità digitale (spid o carta d’identità digitale), l’unico modo per poter poi utilizzare il bonus. Se le informazioni sulla famiglia sono cambiate, per esempio sul numero dei componenti o sul reddito da presentare si possono presentare aggiornamenti sulle variazioni. 

Alcuni suggerimenti per non annoiarti 

Non puoi trascorrere tutto il tempo a non far nulla sul divano o in spiaggia o davanti ad uno schermo di cellulare, qui ti suggeriamo alcune idee per non annoiarti:

  • scopri un luogo che non hai mai visitato;
  • fai una passeggiata di notte; 
  • prepara un pic-nic all’aria aperta; 
  • cammina scalza o scalzo almeno un paio d’ore al giorno;
  • balla ogni volta che ne hai voglia; 
  • fotografa i tramonti e fai una raccolta delle foto più belle; 
  • costruisci un aquilone e fallo volare in spiaggia;
  • imparare un nuovo sport; 
  • leggi uno, due tre, quattro libri, tutti quelli che riesci;
  • svegliati all’alba per vedere il sole sorgere almeno una volta a settimana;
  • prepara una scatola con i ricordi più belli dell’estate.